sette_capitali
 
angela  tommasi----

 

 

 

 

avanti

 

 

LA MUSICA: "BOLERO"

indietro

 

<----I MIEI VIAGGI ---->

 

due persone che salutano

 

 

turista con valige

 

 

pullman e turist

 

 

aereo arancione

 

persone sulla nave

 

Tutti a

bordo.........

Si parte...!!!!

**********

 

 

 

 

 

 

 

 

glitter-39 sfondo giallo

glitter-39 sfondo giallo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE CROCIERE FATTE CON MIO MARITO NEL 2005-2006-2007-2008-2010-2011-

le sette capitali del nord


Con le foto che metterò su queste pagine vi farò fare un viaggio virtuale, portandovi a vedere i posti più belli e caratteristici che abbiamo visitato.

Spero di non annoiarvi.

***************************************

CROCIERA DEL 2011

nelle sette capitali europee

NAVE COSTA MAGICA

Questa crociera è stata effettuata dal 19 luglio 2011 al 29 luglio 2011

(con mio marito e la mia amica.)

nelle sette Capitali Europee : Olanda-Germania-Danimarca-Norvegia- Scozia- Francia- Londra

facendo varie tappe e spostandoci nelle varie località con le escursioni che abbiamo fatto.

*******************************
La partenza  è avvenuta il 18-07-2011 dalla nostra sede di residenza all’aeroporto di Roma, dove siamo saliti

su un aereo che ci ha portato ad Amsterdam e qui al porto ci siamo imbarcati  sulla nave Costa Magica e iniziare

così la nostra crociera.

Abbiamo fatto sosta nei seguenti scali: Amburgo(Germania), Copenhagen (Danimarca), Oslo(Norvegia),

Invergordon (Scozia), Le Havre (Francia), Dover, (Gran Bretagna)

********************

Le varie escursioni erano così suddivise:

 

Mercoledì 20-07-2011: (Germania)-AMBURGO =                                                                     

 Alla scoperta di Berlino - Amburgo via terra e mare- Paesaggi di Lubecca - Visita del porto di Amburgo - Alla scoperta di Amburgo - Un assaggio di Amburgo di sera - Escursione serale in barca.                                                                                               

Noi abbiamo scelto i PAESAGGI DI LUBECCA

----------------------------------------------------------------------------------------

Giovedì  21-07-2011: Navigazione

----------------------------------------------------------------------------------------

Venerdì  22-07-2011: (Danimarca)-COPENANGHEN  

L’incantevole Copenanghen &l’ICE bar-I castelli del Nord- Royal Copenaghen- Souvenir di Copenanghen Copenanghe &Battello.                                                                                                                                                

 Noi abbiamo scelto ROYAL COPENANGHEN

----------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 23-07-2011: (Norvegia)-OSLO=                                                                                    

Visita di Oslo- Super Oslo- Il fascino di Oslo- Super Oslo e Ice Bar                                                         

 Noi abbiamo scelto SUPER OSLO E ICE BAR

----------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 24-07-2011: Navigazione

----------------------------------------------------------------------------------------

Lunedì 25-07-2011: (Scozia)-INVERGORDON =                                                                  

Il Maestoso Castello di Dunrobin-Inverness e il Castello di Cawdor- La distilleria di Whisky Glenmorangie e Royal Donroch-Lochness e le rovine del Castello di Urquhart- Il mistero del mostro di Loch Ness-Una giornata lungo le sponde di Loch Ness- Tour Panoramico della sponda meridionale di Loch Ness- In battello sul lago di Loch Ness-

Noi abbiamo scelto Il MAESTOSO CASTELLO DI DUNROBIN

----------------------------------------------------------------------------------------

Martedì 26-07-2011: Navigazione

----------------------------------------------------------------------------------------

Mercoledì 27-07-2011: (Francia - Porto di Le Havre) =

 Scoprendo Parigi la Villa Lumiere- Navigando nel cuore di Parigi- Il Castello e i giardini di Versailles-Giverny e Rouen- Le spiagge dello sbarco in Normandia- Rouen- Etretat e Fecamp- La romantica Honfleur- Il Museo del Lovre-

Noi abbiamo scelto SCOPRENDO PARIGI -  LA VILLA LUMIERE

----------------------------------------------------------------------------------------

Giovedì  28-07-2011: (Gran Bretagna- Porto di Dover) =  

Londra- Canterbury e Castello di Leeds

Noi abbiamo scelto LONDRA

----------------------------------------------------------------------------------------

Venerdì 29 -07-2011: Amsterdam (Rientro al porto, trasferimento all’aeroporto e rientro a Roma da dove siamo ritornati nella nostra sede di residenza.)

 

 

 

 

divisorio celeste

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Lubecca-Canale del fiume Trave 004
Lubecca- Ancora il canale- 005
Lubecca- HOLSTENTOR 006
Lubecca- Canale del fiume Trave-
Lubecca- Ancora il canale-
Lubecca- HOLSTENTOR-
Lubecca- L'Holstentor Gate  007
Lubecca-L'Holstentor - io e la mia amica 008
Lubecca-Porta Holstentor- Museo Civico della città di Lubecca- 009
Lubecca- L'Holstentor Gate -
Lubecca-L'Holstentor - io e la mia amica-
Lubecca-Porta Holstentor- Museo Civico della città di Lubecca-
Lubecca- Esterno del palazzo Holstentor 010
Lubecca- Fiume Trave-C'erano i magazzini del sale oggi uffici- Qui finiva il centro commerciale nel Medio Evo 011
Lubecca- Targa del livello del fiume Trave nel 1872- 012
Lubecca- Esterno del palazzo Holstentor -
Lubecca- Fiume Trave-C'erano i magazzini del sale oggi uffici- Qui finiva il centro commerciale nel Medio Evo -
Lubecca- Targa del livello del fiume Trave nel 1872-
Lubecca- FIGURENTHEATER-Teatro delle marionette per adulti- 013
Lubecca-La piazza del mercato-  014
Lubecca- Particolare della Piazza del mercato e scorcio della chiesa di S.Pietro- 015
Lubecca- FIGURENTHEATER-Teatro delle marionette per adulti-
Lubecca-La piazza del mercato-
Lubecca- Particolare della Piazza del mercato e scorcio della chiesa di S.Pietro-
Lubecca-Particolare della piazza del  mercato e il Rathaus(Municipio) 016
Lubecca- Riproduzione in bronzo- 017
Lubecca- Riproduzione in bronzo e in scala di Lubecca 018
Lubecca-Particolare della piazza del mercato e il Rathaus(Municipio)-
Lubecca- Riproduzione in bronzo-
Lubecca- Riproduzione in bronzo e in scala di Lubecca-
Lubecca- Targa donata dal Rotary club di Lubecca nel 2004- 019
Lubecca- Riproduzione in bronzo-IMG_0001
Lubecca- Riproduzione in bronzo e in scala-IMG_0002
Lubecca- Targa donata dal Rotary club di Lubecca nel 2004-
Lubecca- Riproduzione in bronzo-
Lubecca- Riproduzione in bronzo e in scala-
Lubecca- Ancora la riproduzione in bronzo-IMG_0003
Lubecca- Chiesa di Santa Maria(esterno) 020
Lubecca- Chiesa di Santa Maria(Marienkirche) 021
Lubecca- Ancora la riproduzione in bronzo-
Lubecca- Chiesa di Santa Maria(esterno)
Lubecca- Chiesa di Santa Maria(Marienkirche)
Lubecca-Un particolare del Municipio-0004
Lubecca-Cafè Niederegger(famoso per la produzione di marzapane) 0005
Lubecca-Chiesa di Santa Maria- Angolo esterno-0006
Lubecca-Un particolare del Municipio-
Lubecca-Cafè Niederegger(famoso per la produzione di marzapane)
Chiesa di Santa Maria- Angolo esterno-
Lubecca- Chiesa di Santa Maria- esterno -0007
Lubecca- Chiesa di Santa Maria- un particolare-0008
Lubecca- Buddenbrook House-(Casa di Henrich e Thomas Mann)-0010
Lubecca- Chiesa di Santa Maria- esterno -
Lubecca- Chiesa di Santa Maria- un particolare-
Lubecca- Buddenbrook House-(Casa di Henrich e Thomas Mann)-
Lubecca- Casa di Thomas Mann- 0011
Lubecca- Farmacia Leone-0012
Lubecca- Aphotheke-(farmacia fondata nel 1812 ai tempi di Napoleone)0013
Lubecca- Casa di Heinrich e Thomas Mann-
Lubecca- Farmacia Leone-
Lubecca- Aphotheke-(farmacia fondata nel 1812 ai tempi di Napoleone)
Lubecca- stazione centrale-021
Lubecca-Casa dei Buddenbrook - 022
Lubecca- Chiesa di Santa Caterina 023
Lubecca- stazione centrale-
Lubecca-Casa dei Buddenbrook -
Lubecca- Chiesa di Santa Caterina -
Lubecca- Chiesa di Santa Caterina-(facciata) 0014
Lubecca- Particolare della Chiesa di Santa Caterina-0015
Lubecca- Chiesa di Santa Caterina- la facciata-0016
Lubecca- Chiesa di Santa Caterina-(facciata)
Lubecca- Particolare della Chiesa di Santa Caterina-
Lubecca- Chiesa di Santa Caterina- la facciata-
Lubecca- Casa natale del poeta e scrittore Emanuel Geibel(1815-1884)- 024
Lubecca- Ospedale di Santo Spirito-(L'antico ospizio) 025
Lubecca- Ospedale di Santo Spirito- Esterno 026
Lubecca- Casa natale del poeta e scrittore Emanuel Geibel(1815-1884)-
Lubecca- Ospedale di Santo Spirito-(L'antico ospizio)
Lubecca- Ospedale di Santo Spirito- Esterno
Lubecca-Ospedale di Santo Spirito - veduta esterna 026-1
Lubecca-Ospedale di Santo Spirito- facciata esterna-026-2
Lubecca- All'interno della Chiesa di Santo Spirito-0017
Lubecca-Ospedale di Santo Spirito - veduta esterna
Lubecca-Ospedale di Santo Spirito- facciata esterna-
Lubecca- All'interno della Chiesa di Santo Spirito-
Lubecca- Opera all'interno della Chiesa-0018
Lubecca- Interno della Chiesa di Santo Spirito-0019
Lubecca- Interno- un rosone-0020
Lubecca- Opera all'interno della Chiesa-
Lubecca- Interno della Chiesa di Santo Spirito-
Lubecca- Interno- un rosone-
Lubecca- Ancora l'interno della chiesa S. Spirito-0021
Lubecca-Particolare della volta-0022
Lubecca- Un angolo della chiesa- 0023
Lubecca- Ancora l'interno della chiesa S. Spirito-
Lubecca-Particolare della volta-
Lubecca- Un angolo della chiesa-
Lubecca- un particolare del soffitto-0024
Lubecca- Un particolre-0025
Lubecca- All'interno della chiesa- un baule-0026
Lubecca- un particolare del soffitto-
Lubecca- Un particolre-
Lubecca- All'interno della chiesa- un baule-
Lubecca- Sala dormitorio dell'Ospedale di Santo Spirito-con le piccole camerette dette-KABAUSCHEN-0027
Lubecca- All'interno un plastico-0028
Lubecca- Una veduta del plastico-0029
Lubecca- Sala dormitorio dell'Ospedale di Santo Spirito-con le piccole camerette dette-KABAUSCHEN-
Lubecca- All'interno un plastico-
Lubecca- Una veduta del plastico-
Lubecca- Ancora il plastico-0030
Lubecca- Una bellissima vetrata all'interno dell'Ospedale di Santo Spirito-0031
Lubecca- Esterno dell' Ospedale di Santo Spirito-0032
Lubecca- Ancora il plastico-
Lubecca- Una bellissima vetrata all'interno dell'Ospedale di Santo Spirito-
Lubecca- Esterno dell' Ospedale di Santo Spirito-
Lubecca- Ancora un particolare dell'esterno-0033
Lubecca- Una piccola stradina-0034
Lubecca- Passeggiata per la città vecchia--0035
Lubecca- Ancora un particolare dell'esterno-
Lubecca- Una piccola stradina-
Lubecca- Passeggiata per la città vecchia--
Lubecca- Un angolo caratteristico-0036
Lubecca-Angolo caratteristico di Lubecca-0037
Lubecca- Piccole casette-0038
Lubecca- Un angolo caratteristico-
Lubecca-Angolo caratteristico di Lubecca-
Lubecca- Piccole casette-
Lubecca- Una casetta con giardino- 027
Lubecca- Angolo caratteristico- 028
Lubecca-Cafè Niederegger(famoso per la produzione di marzapane) 0005
Lubecca- Una casetta con giardino-
Lubecca- Angolo caratteristico-
Lubecca-Cafè Niederegger(famoso per la produzione di marzapane)
- Arrivo a Copenanghen-  029
Copenanghen - La Sirenetta -30
- Arrivo a Copenanghen-
Copenanghen - La Sirenetta -
Copenanghen -La Sirenetta-
Copenanghen- Veduta della Sirenetta sotto la pioggia- 032
Copenanghen- Fontana di Gefjun- 033
Copenanghen- Fontana di Gefjun e mio marito- 034
Copenanghen- Veduta della Sirenetta sotto la pioggia-
Copenanghen- Fontana di Gefjun-
Copenanghen- Fontana di Gefjun e mio marito-
Copenanghen- Altra veduta della Fontana- 035
Copenanghen -Ancora una veduta della Fontana- 036
Copenanghen- Una veduta e mio marito- 037
Copenanghen- Altra veduta della Fontana-
Copenanghen -Ancora una veduta della Fontana-
Copenanghen- Una veduta e mio marito-
Copenanghen- Teatro dell'Opera- 038
Copenanghen- Municipio di Copenhaghen
Copenanghen-Municipio- torre dell'orologio
Copenanghen- Teatro dell'Opera-
Copenanghen- Municipio di Copenhaghen-
Copenanghen-Municipio- torre dell'orologio-
Copenaghen- La residenza reale di Amalienborg
Copenanghen-Palazzo di Amalienborg, la piazza(residenza della regina) 041
Copenanghen- Strade della città- 042
Copenaghen- La residenza reale di Amalienborg-
Copenanghen-Palazzo di Amalienborg, la piazza(residenza della regina)
Copenanghen- Strade della città-
Copenanghen-Un aspetto del canale- 043
Copenanghen-Canale del Nyhavn- Tours in battello- 044
Copenanghen- Cattedrale di Santa Maria- interno 045
Copenanghen-Un aspetto del canale-
Copenanghen-Canale del Nyhavn- Tours in battello-
Copenanghen- Cattedrale di Santa Maria- interno
Copenaghen-Cattedrale di Nostra Signora- esterno- 045
Copenhagen_interno della cattedrale-045-1
Copenaghen- Cattedrale-In angolo dell'interno e l'organo- 046
Copenaghen-Cattedrale di Nostra Signora- esterno-
Copenhagen-interno della cattedrale-
Copenaghen- Cattedrale-Un angolo dell'interno e l'organo-
Copenaghen- Cattedrale- il soffitto e l'organo- 047
Copenaghen- Il Castello Reale di Cristiano IV- (oggi museo) 048
Copenaghen- Il castello Rosenborg- 049
Copenaghen- Cattedrale- il soffitto e l'organo-
Copenaghen- Il Castello Reale di Cristiano IV- (oggi museo)
Copenaghen- Il castello Rosenborg-
Copenaghen- Castello di Rosenborg- Veduta esterna-049-1
Copenaghen- Una guardia al castello- 050
Copenaghen- Il castello e il leone- 051
Copenaghen- Castello di Rosenborg- Veduta esterna-
Copenaghen- Una guardia al castello-
Copenaghen- Il castello e il leone-
Copenaghen-guardie reali con il colbacco 04[1]
Copenanghen-La vecchia Borsa, vicino al Castello di Christianborg
Copenaghen-Cattedrale di Nostra Signora- esterno- 045-A
Copenaghen-guardie reali con il colbacco
Copenanghen-La vecchia Borsa, vicino al Castello di Christianborg
Copenaghen-Cattedrale di Nostra Signora- esterno-
Arrivo ad Invergordon- 052
Invergordon- Ingresso del Castello di Dunrobin-XV sec. Saluto delle cornamuse e mio marito- 053
Invergordon- Castello di Dunrobin-Saluto delle cornamuse ed io- 054
Arrivo ad Invergordon-
Invergordon- Ingresso del Castello di Dunrobin-XV sec. Saluto delle cornamuse e mio marito-
Invergordon- Castello di Dunrobin-Saluto delle cornamuse ed io-
Invergordon- Alcune sale del Castello- 055
Invergordon- Castello.Una sala interna-  056
Invergordon- Il Castello-Un'altra sala- 057
Invergordon- Alcune sale del Castello-
Invergordon- Castello.Una sala interna-
Invergordon- Il Castello-Un'altra sala-
Invergordon- Il Castello- Camera dei bambini- 058
Invergordon- Castello di Dunrobin- Mezzo antincendio del XIX completa e funzionante- 059
Invergordon- Veduta esterna del castello di Dunrobin 060
Invergordon- Il Castello- Camera dei bambini-
Invergordon- Castello di Dunrobin- Mezzo antincendio del XIX completa e funzionante-
Invergordon- Veduta esterna del castello di Dunrobin -
Invergordon- Una parte del giardino- 061
Invergordon- Una veduta esterna del castello- 062
Invergordon-Panoramica del giardino- 063
Invergordon- Una parte del giardino-
Invergordon- Una veduta esterna del castello-
Invergordon-Panoramica del giardino-
Invergordon- Veduta del giardino- 064
Invergordon- Alcune piante- 065
Invergordon- Alcune piante- 066
Invergordon- Veduta del giardino-
Invergordon- Alcune piante-
Invergordon- Alcune piante-
Invergordon-Veduta del parco e mio marito- 067
Invergordon-Un angolo fiorito del giardino- 068
Invergordon- Ancora un angolo del giardino- 069
Invergordon-Veduta del parco e mio marito-
Invergordon-Un angolo fiorito del giardino-
Invergordon- Ancora un angolo del giardino-
Invergordon- Veduta esterna del Castello- 070
Invergordon- Un angolo del giardino con grandi piante- 071
Invergordon- Il falco nel giardino- 072
Invergordon- Veduta esterna del Castello-
Invergordon- Un angolo del giardino con grandi piante-
Invergordon- Il falco nel giardino-
Invergordon- Vestito tipico scozzese- Il KILT- 075
Invergordon- Uomo con il vestito tipico  076
Invergordon- Rientro alla nave- 073
Invergordon- Vestito tipico scozzese- Il KILT-
Invergordon- Uomo con il vestito tipico
Invergordon- Rientro alla nave-
Invergordon. Rientro al porto-con la nave in lontananza- 074
Invergordon- Ritorno al porto e la nave- 077
Trasferimento da Le Havre a Parigi- 080
Invergordon. Rientro al porto-con la nave in lontananza-
Invergordon- Ritorno al porto e la nave-
Trasferimento da Le Havre a Parigi-
Arrivo a Parigi- 081
Parigi- Arco di Trionfo- Napoleone I - primi anni del 1800- 082
Parigi-Veduta dell'arco di Trionfo- 083
Arrivo a Parigi-
Parigi- Arco di Trionfo- Napoleone I - primi anni del 1800-
Parigi-Veduta dell'arco di Trionfo-
Parigi- Veduta dell'Arco di Trionfo- 084
Parigi- Veduta dei CHAMP ELYSES- 085
Parigi- PETIT PALAIS- Musée Des Beaux Art de la Ville de Paris(Museo delle belle arti della città di Parigi- 086
Parigi- Veduta dell'Arco di Trionfo-
Parigi- Veduta dei CHAMP ELYSES-
Parigi- PETIT PALAIS- Musée Des Beaux Art de la Ville de Paris(Museo delle belle arti della città di Parigi-
Parigi- veduta, sullo sfondo l'obelisco- 087
Parigi- Place de La Concorde-(Piazza della Concordia)- 088
Parigi- La Fontaine des Mers (La fontana dei Mari)- 089
Parigi- veduta, sullo sfondo l'obelisco-
Parigi- Place de La Concorde-(Piazza della Concordia)-
Parigi- La Fontaine des Mers (La fontana dei Mari)-
Parigi- Piazza della Concordia-(Hotel de COISLIN)- 090

Parigi- Chiesa della Maddalena- 091

Parigi- Chiesa di Santa Maria Magdalenae- 092
Parigi- Piazza della Concordia-(Hotel de COISLIN)-
Parigi- Chiesa della Maddalena-
Parigi- Chiesa di Santa Maria Magdalenae-
Parigi- Teatro Olympia- 093
Parigi- Piazza Vendôme-Voluta da Luigi XIV-Prima c'era la statua del re.- 094
Parigi- La colonna di Austerlitz- 095
Parigi- Teatro Olympia-
Parigi- Piazza Vendôme-Voluta da Luigi XIV-Prima c'era la statua del re.-
Parigi- La colonna di Austerlitz-
Parigi- Piazza dedicata al re Sole- 096
Parigi- Teatro dell'Opera voluto da Napoleone III-inaugurato nel 1875- 097

Parigi- Piazza dedicata al re Sole-
Parigi- Teatro dell'Opera voluto da Napoleone III-inaugurato nel 1875-
Parigi- Teatro dell'Opera-(Academie Nationale de Musique-
Parigi- Banca LCL in Avenue des Gobelins(particolare con i balconi in ferro battuto)- 099
Parigi- Piazza del Louvre- 100
Parigi- Veduta della Piazza del Louvre- 101
Parigi- Banca LCL in Avenue des Gobelins(particolare con i balconi in ferro battuto)-
Parigi- Piazza del Louvre-
Parigi- Veduta della Piazza del Louvre-
Parigi- Piazza del Louvre- La piramide di vetro- 102
Parigi- Arco di Trionfo(l'Arc de Trionphe in place du Carrousel)- 103
Parigi- Piazza del Louvre- Accesso al museo anche dalla Biblioteca Quai Francois Mitterrand- 104
Parigi- Piazza del Louvre- La piramide di vetro-
Parigi- Arco di Trionfo(l'Arc de Trionphe in place du Carrousel)-
Parigi- Piazza del Louvre- Accesso al museo anche dalla Biblioteca Quai Francois Mitterrand-
Parigi- Uno dei tanti ponti-in lontananza un Bateau Mouche 105
Parigi- Academie de Paris- 106
Parigi- Chiesa di Notre Dame- 107
Parigi- Uno dei tanti ponti-in lontananza un Bateau Mouche -
Parigi- Academie de Paris-
Parigi- Chiesa di Notre Dame-
Parigi- Interno di Notre Dame-(navata centrale e abside)- 108
Parigi-Interno di  Notre Dame-(un rosone con le vetrate)-  109.
Parigi- Interno della chiesa di Notre Dame-abside- 110
Parigi- Interno di Notre Dame-(navata centrale e abside)-
Parigi-Interno di Notre Dame-(un rosone con le vetrate)-
Parigi- Interno della chiesa di Notre Dame-abside-
Parigi- Ancora una foto dell'interno- 111
Parigi- Notre Dame- Interno- 113
Parigi- Piazza di Notre Dame e facciata- 115
Parigi- Ancora una foto dell'interno-
Parigi- Notre Dame- Interno-
Parigi- Piazza di Notre Dame e facciata-
Parigi. Piazza di Notre Dame (io e mio marito) 117
Parigi- Piazza di Notre Dame -(io e la mia amica) 118
Parigi- Piazza di Notre Dame e mio marito-
Parigi. Piazza di Notre Dame (io e mio marito)
Parigi- Piazza di Notre Dame -(io e la mia amica)
Parigi- Cortile dell'Istituto Privato Gruppo IPESP(per la preparazione ad esami e concorsi)- 119
Parigi-Piazza di Notre Dame-Medaglione Punto Zero-(Des Routes de France) 120
Parigi- Targa che ricorda il periodo in cui Papa A. G. Roncalli fu nunzio Apostolico in Francia- 1945-1953- 121
Parigi- Cortile dell'Istituto Privato Gruppo IPESP(per la preparazione ad esami e concorsi)-
Parigi-Piazza di Notre Dame-Medaglione Punto Zero-(Des Routes de France)
Parigi- Targa che ricorda il periodo in cui Papa A. G. Roncalli fu nunzio Apostolico in Francia- 1945-1953-
Parigi- Notre Dame- esterno- 122
Parigi- Notre Dame- facciata 123
Parigi- Municipio di Parigi- (Hotel de Ville de Parigi) 124
Parigi- Notre Dame- esterno-
Parigi- Notre Dame- facciata
Parigi- Municipio di Parigi- (Hotel de Ville de Parigi)
Parigi- La torre Eiffel vista dal pullman- 125
Parigi- La torre Eiffel sotto un cielo grigio- 126
Parigi- Torre Eiffel e mio marito sotto la pioggia 127
Parigi- La torre Eiffel vista dal pullman-
Parigi- La torre Eiffel sotto un cielo grigio-
Parigi- Torre Eiffel e mio marito sotto la pioggia
Parigi- La torre Eiffel (La torre viene ridipinta ogni sette anni)- 128
Parigi- La torre Eiffel- bellissima veduta- 129
Parigi- Veduta globale- 130
Parigi- La torre Eiffel (La torre viene ridipinta ogni sette anni)-
Parigi- La torre Eiffel- bellissima veduta-
Parigi- Veduta globale-
Parigi- La torre Eiffel e mio marito- 131
Parigi-La torre Eiffel
Londra- Dal porto di Dover a Londra- 132
Parigi- La torre Eiffel e mio marito-
Parigi-La torre Eiffel
Londra- Dal porto di Dover a Londra-
Londra- Dal porto a Londra- 133
Londra-Il porto di Dover e la nave- 134
Londra- Viaggio verso Londra- 135
Londra- Dal porto a Londra-
Londra-Il porto di Dover e la nave-
Londra- Viaggio verso Londra-
Londra- Periferia-136
Londra- Una veduta dei grattacieli- 137
Londra- Una visuale presa dal pullman- 138
Londra- Periferia-
Londra- Una veduta dei grattacieli-
Londra- Una visuale presa dal pullman-
Londra- Arrivo a Londra- 139
Londra- Lungo il percorso The House-Club e Terrace- 140
Londra- Panoramica dal pullman- 141
Londra- Arrivo a Londra-
Londra- Lungo il percorso The House-Club e Terrace-
Londra- Panoramica dal pullman-
Londra- Nel tunnel- 142
Londra- Immagini prese durante il percorso-(alcune banche)- 143
Londra-  Ancora immagini -(Il mercato del pesce)- 144
Londra- Nel tunnel-
Londra- Immagini prese durante il percorso-(alcune banche)-
Londra- Ancora immagini -(Il mercato del pesce)-
Londra- Palazzi della City- 145
Londra- Prima di arrivare al centro- 146
Londra- Panoramica- 147
Londra- Palazzi della City-
Londra- Prima di arrivare al centro-
Londra- Panoramica-
Londra- Monumento ai caduti della Marina Mercantile- 148
Londra- Un angolo della città- Nei pressi i giardini di Trinity Square-149
Londra- Aspetti della città- 151
Londra- Monumento ai caduti della Marina Mercantile-
Londra- Un angolo della città- Nei pressi i giardini di Trinity Square-
Londra- Aspetti della città-
Londra-St.Michael Paternoster Royal(San Michele Paternostro Reale- 152
Londra-St. Michael Paternoster Royal-152 a [7]
Londra- Una chiesa- 153
Londra-St.Michael Paternoster Royal(San Michele Paternostro Reale-
Londra-St. Michael Paternoster Royal-
Londra- Una chiesa-
Londra- uno scorcio della city- 154
Londra-Una facciata- 155
Londra- Tipico Bus rosso a due piani- 156
Londra- uno scorcio della city-
Londra-Una facciata-
Londra- Tipico Bus rosso a due piani-
Londra- La facciata di un palazzo 157
Londra-  Una veduta dal pullman 158
Londra- Buckingham Palace -159
Londra- La facciata di un palazzo -
Londra- Una veduta dal pullman -
Londra- Buckingham Palace -
Londra- Piazza del Parlamento 1- 160
Londra- Piazza del Parlamento 2- 161
Londra- Piazza del Parlamento 3- 162
Londra- Piazza del Parlamento -1-
Londra- Piazza del Parlamento -2-
Londra- Piazza del Parlamento- 3-
Londra- Piazza del Parlamento 4- 163
Londra- Una banca di Londra-(Barclays)- 164
Londra- Chiesa- La Westminster Abby-(Qui riposano i membri della famiglia reale)- 165
Londra- Piazza del Parlamento - 4-
Londra- Una banca di Londra-(Barclays)-
Londra- Chiesa- La Westminster Abby-(Qui riposano i membri della famiglia reale)-
Londra- Sul lato destro Chiesa Metodista- 166
Londra- Central Hall-(particolare)Colonna di granito per i caduti della guerra di Crimea- 167
Londra- 168
Londra- Sul lato destro Chiesa Metodista-
Londra- Central Hall-(particolare)Colonna di granito per i caduti della guerra di Crimea-
Londra-
Londra- 169
Londra- 170
Londra- Palazzi del centro- 172
Londra-
Londra-
Londra- Palazzi del centro-
Londra-Royal Exchange- Prima borsa di Londra-Oggi centro commerciale -173.
Londra-Royal_Exchange- 173-a
Londra- Un aspetto della Torre-171
Londra-Royal Exchange- Prima borsa di Londra-Oggi centro commerciale -
Londra-Royal_Exchange-
Londra- Un aspetto della Torre-
Londra- Mio marito- 174
Londra- La torre e mio marito- 186
Londra- Persone in attesa di entrare - 176
Londra- Mio marito-
Londra- La torre e mio marito-
Londra- Persone in attesa di entrare -
Londra- Ingresso alla Torre- 177
Londra-Il palazzo di vetro- 178
Londra- La mia amica- 179
Londra- Ingresso alla Torre-
Londra-Il palazzo di vetro-
Londra- La mia amica-
Londra- Nei pressi della Torre e mio marito- 180
Londra-Angoli della città- 181
Londra- Panoramica da uno dei ponti- 182
Londra- Nei pressi della Torre e mio marito-
Londra-Angoli della città-
Londra- Panoramica da uno dei ponti-
Londra-Aspetti della città- 183
Londra- Veduta della città- 184
Londra. Una torre di vetro- 185
Londra-Aspetti della città-
Londra- Veduta della città-
Londra. Una torre di vetro-

DIARIO DI VIAGGIO

Martedì 19 luglio 2011- Amsterdam                                                                                                    

Nonostante il ruolo guida amministrativo dell'Olanda spetti all'Aja, la vera capitale olandese è Amsterdam, una città splendida e piena di vita sia per i divertimenti che per la cultura.
Un milione di abitanti, un flusso inesauribile di turismo, soprattutto giovanile, Amsterdam è una città splendida e piena di vita e di occasioni di divertimento e di cultura.

Nonostante il porto più famoso olandese sia senza dubbio quello di Rotterdam da non sottovalutare è l'importanza dello scalo di Amsterdam che, tra magazzini, cantieri, e scalo passeggeri, crea enormi opportunità di lavoro.

Proprio intorno al porto si è sviluppato il centro più tradizionale di questa città delimitata in ogni senso dall'acqua: mare da una parte e i bacini del fiume Amstel, ormai completamente canalizzato, e del fiume Lj.

Costruita su 90 isole, collegate da 500 ponti, la data della fondazione di Amsterdam risale al 1275: rifugio per i cristiani del Medioevo e importante centro di commerci, diventa simbolo della grandezza olandese con la dinastia degli Orange che avviano un'epoca di grande ricchezza artistica e di traffici.

La città si ingrandisce sui suoi canali e soprattutto sullo Zuidersee trasformato con dighe e chiuse in un grande lago. Le guerre e i continui conflitti, con l'Inghilterra e con la Francia ma soprattutto l'invasione della Germania durante il secondo conflitto mondiale, mettono spesso a repentaglio la tranquillità e la solidità della sua città simbolo: ma da ogni terremoto sociale Amsterdam si risolleva brillantemente.

Amsterdam è famosa per la sua atmosfera particolare, per la sua compattezza. I musei, i monumenti, le strade dei negozi, i mercati e le altre attrazioni turistiche sono a breve distanza l'uno dall'altro. In poche centinaia di metri si trovano centinaia di punti di ritrovo e d'interesse di valore assoluto: splendido il centro storico, caratteristico anche il cosiddetto quartiere a luci rosse, divertente tutto il contesto di locali dove gastronomia, birra e musica dal vivo sono un denominatore costante per 365 giorni all'anno.

Le tre vie d'acqua principali, Herengracht, Keizersgracht e Prinsengracht, costituiscono la colonna vertebrale di un piano di bacini e canali da considerare secondo, forse, solo a quello di Venezia.

L'aspetto culturale vede al centro dell'interesse cittadino il Rijksmuseum, che espone opere dei grandi maestri olandesi del passato, il Vincent Van Gogh Museum e lo Stedlelijk Museum che ospita opere d'arte moderna.

Lo shopping a basso costo e quello a costo elevato (specie per gioielli e diamanti) rendono Amsterdam una città di fascino indiscusso e indiscutibile.

*******************************

Della città di Amsterdam non abbiamo visitato nulla poiché è servita solo come punto di partenza e di arrivo sia con l’aereo all’aeroporto che al porto per l’imbarco con la nave.

Lasciato il porto di Amsterdam  abbiamo ripercosso in senso opposto, per circa due ore, il Noordreekanal per sfociare poi nel mare del Nord dove abbiamo costeggiato prima le coste Olandesi e poi quelle della Germania.

*******************************

Mercoledì 20 luglio 2011-

Partiti alla volta della Germania abbiamo fatto scalo al porto di Amburgo: fin dalle prime luci dell’alba abbiamo iniziato la navigazione del fiume Elba che è durata circa cinque ore. Questo fiume è uno dei più lunghi dell’Europa Centrale(1091 km) nasce nel nord della Repubblica Ceca, nella catena montuosa dei Monti Sudeti, circa a 1400 metri di altezza. Attraversa quindi la Germania, bagnando la città di Desdra Magdelburgo e Amburgo per sfociare poi nel Mar del Nord.

Da due secoli è un’importante rotta commerciale: l’Elba è stato collegato, tramite un sistema di canali navigabili con il Reno, il Weaser e lOder. Il fiume stesso è navigabile con battelli commerciali fino all’interno del continente europeo, fino a Praga, mentre altri sistemi di canali artificiali lo collegano alle aeree industriali della Germania e alla capitale Berlino.

 

 

 

 

Amburgo

Fondata nell'808 da Carlomagno, la fortezza di Hammaburg fu il nucleo originario di Amburgo. La città si sviluppò subito grazie all'istituzione della sede arcivescovile.

A seguito degli attacchi dei Vichinghi, dei Danesi e degli Slavi, Amburgo si alleò con le città tedesche di Brema e Lubecca dando vita alla Lega Anseatica che diede la sua impronta commerciale nel Mare del Nord e nel Mar Baltico.

Occupata dai Francesi dal 1806 al 1811 durante le guerre napoleoniche, aderì alla Confederazione germanica nel 1815. La città fu devastata dai bombardamenti della II guerra mondiale che qui causò più di 40.000 vittime, ma con la ricostruzione del dopoguerra riuscì a riacquisire quell'importanza storica e commerciale, che si estende oggi anche a livello industriale e culturale.

Amburgo, con più di 1.700.000 abitanti, è la seconda città della Germania, preceduta solo da Berlino. Anzi, non solo è una città ma è anche una città-stato: la Freie und Hansestadt Hamburg, città libera e della Lega Anseatica.

Amburgo è infatti anche una dei sedici Länder tedeschi che formano la Bundesrepublik, la Repubblica federale: lo stesso statuto è concesso solo alla Capitale Berlino e alla vicina Brema.

Amburgo sorge nel punto in cui i fiumi Aster e Bille confluiscono nell'Elba e dista circa 110 chilometri dal Mare del Nord. Il porto è uno dei porti europei più importanti, costituisce uno dei maggiori scali marittimi del continente ed è collegato con canali e vie fluviali a gran parte dell'Europa. La realizzazione del canale di Kiel nei 1895 incrementò ulteriormente l'attività del porto, rendendo più semplici e veloci i trasporti marittimi tra la città e l'area baltica.

Il porto si estende per tutta la larghezza dell'Elba su un'area di circa 40 km soprattutto sulla riva meridionale, o sinistra del fiume. Attorno allo Speicherstadt, il porto franco o quartiere dei depositi costruito tra il 1881 e il 1888, è nata una delle zone più caratteristiche della città con gli edifici posti ai bordi dei canali.

Nel quartiere è stato costruito il maestoso ponte Kohlbrand, nuovo emblema di Amburgo. Sulla sponda destra dell'Elba, proprio di fronte al porto antico, si sviluppano invece i quartieri moderni di St. Pauli e Altona. Questo è il luogo d'incontro per tutti coloro che sono alla ricerca di divertimento e trasgressione. L'area infatti è celebre per la Reeperbahn, la strada a luci rosse di Amburgo, oltre ad essere in generale il quartiere della vita notturna di Amburgo.

Le rive del fiume sono collegate da ponti e da due tunnel: uno pedestre e ciclabile costruito nel 1911, l'altro l'Elbtunnel - automobilistico, realizzato nei 1975.
 Il fiume Aster, prima di sfociare nell'Elba, forma due laghi: l'Aussenalster e il Binnenalster. Da questi bacini le acque sono incanalate formando una rete di vie d'acqua che caratterizzano la città vecchia di Amburgo. Intorno al Binnenalster, con al centro la fontana dell'Alster, si estende infatti il centro storico, chiamato Jugfernstieg, la zona più elegante della città.

Nel cuore della Altstadt, il Municipio fu costruito nel 1897: ha 646 stanze e domina l'omonima piazza, sulla quale si affaccia anche il Palazzo della Borsa. Poco lontano si può visitare la Chiesa di San Pietro, iniziata nel XII secolo.

Altri edifici religiosi di particolare interesse sono la Chiesa di San Giacomo del XIII-XV secolo, quella di Santa Caterina (XIV-XV secolo) e quella di San Michele che risale alla fine del XVIII secolo.

Da ricordare anche i maggiori esempi dell'architettura del XX secolo, che caratterizza gran parte della città nuova e degli edifici culturali: la Musikhalle (1904-1908), i Landungsbrücken (1909), la Chilehaus (1923), la Shell-Haus (1931), la Amerikahaus (1957).

Capitale della Germania per quanto concerne la rappresentazione di musicals, Amburgo vanta una vita e una scena culturale tra le più vivaci e intraprendenti in Europa: in città ci sono 31 teatri, 6 palcoscenici per le commedie musicali, 10 cabaret e 50 musei statali e privati.

Prima fra tutte le realtà museali è la Kunstahalle, inaugurata nel 1869 e spesso ricostruita e restaurata: ospita una grande collezione di quadri di artisti europei da Manet a Munch a Rembrand fino a concentrarsi sul romanticismo tedesco di Fredrich e Otto Runge. Nel 1996 fu annessa la galleria d'arte contemporanea, una struttura a forma di cubo progettata da Mathias Ungers.

*******************************

Fra tutte le escursioni proposte noi abbiamo scelto : PAESAGGI DI LUBECCA  con la visita della città durata circa sette ore.

*******************************

Abbiamo iniziato il nostro viaggio partendo dal porto di Amburgo e con il pullman ci siamo diretti verso la città anseatica di Lubecca dove abbiamo visitato l’affascinante centro storico.

Situata sulla costa baltica, e antica roccaforte dei principi mercanti che controllavano il commercio sul Baltico, conserva ancora, nella città vecchia, testimonianze della prosperità commerciale che ha detenuto nel passato.

Lubecca è situata nel nord della Germania sul basso corso del fiume Trave che a circa 17 km dal centro della città sfocia nel  Mar Baltico in località Travemünde. Nel territorio comunale scorre un importante affluente della Trave, il fiume Wakenitz, le cui acque confluiscono nella Trave proprio in Lubecca.

 La fisionomia è talmente inconfondibile come la fama del suo emblema: Lubecca è la “città delle sette torri” con la Holstentor (porta Holsten).(cliccare) Dietro questa imponente entrata troneggia la ex- “regina dell’Ansa”, oggi eredità culturale che l’Unesco, nel 1987 ha dichiarato patrimonio culturale dell’umanità.

Questo il titolo dato a tutto il centro storico, è un complesso di monumenti artistici, composto da oltre mille edifici in diversi stili dal romanico sino all’età moderna  ed è sotto la tutela delle Belle Arti.
La nostra visita ci ha portato a visitare Holstentor (porta Holsten): è una porta della città tardo gotica in mattoni, l’unica ancora esistente accanto alla Burgtor e parte delle fortificazioni mediovali di Lubecca in Germania. Esso é una specie di Palazzo- castello con due torri coniche in cima.

* Durante la nostra passeggiata abbiamo avuto l’occasione di ammirare i “Magazzini del Sale”,sul fiume Trave, gli storici vicoletti e cortili, testimoni dell’importanza e dello splendore economico vissuto dalla lega Anseatica nel diciannovesimo secolo.

Abbiamo potuto vedere l’Holsten Gate, famoso in tutto il mondo, le “Sette Vette”, l’Ospedale di “Holy Ghost”(Ospedale di Santo Spirito), risalente al 1280.

Abbiamo visitato la piazza con lo storico palazzo del municipio (il Rathaus) e la chiesa di Santa Maria, che ospita il più grande organo meccanico al mondo.

La nostra guida ci ha fatto visitare la “Buddenbrook House”, antica casa di Heinrich e Thomas Mann, che nacquero proprio a Lubecca.

Non abbiamo tralasciato una sosta al Caffè Niederegger, famoso in tutto il mondo per la produzione di Marzapane e con una ricca esposizione di prodotti tipici.

 

Giovedì 21 luglio 2011- Abbiamo avuto il primo giorno intero di navigazione senza alcun scalo.

 Lasciato Amburgo abbiamo ripercorso  in senso opposto il fiume Elba sfociando nel mare del nord alla volta della Danimarca verso il porto di Copenhagen. La navigazione  all’interno del fiume è durata circa cinque ore.

Raggiunto l’estuario e quindi il mare ci siamo diretti verso nord- est lungo le coste della Danimarca per buona parte della giornata visibili in lontananza.

Durante la notte abbiamo  navigato nel Mare di Rattegat. In lontananza a destra della nave abbiamo potuto osservare le coste della Danimarca mentre a sinistra le coste della Svezia con passaggi sia in mare aperto che in vicinanza della costa.
Appena nel Mar di Rattegat abbiamo potuto vedere l’isola di Lasoe e dopo quella di Anholt sulla destra della nave, fino a raggiungere lo stretto di Helsingor punto più stretto tra Danimarca e Svezia prima di arrivare a Copenhagen, largo 2,5 miglia pari a 4,5 Km.

Helsingor è una città molto famosa per il castello di Amleto. Dopo lo stretto abbiamo continuato con rotta sud, passando vicino all’isola di Ven.

Venerdì  22  luglio 2011- Copenhagen

Capitale della Danimarca, è indiscutibilmente la città più importante di questo paese che si allunga verso il Baltico e che conta poco più di cinque milioni di abitanti, almeno un milione e mezzo dei quali vive tra il centro residenziale e le piccole casette della bella periferia.
Una posizione come quella di Copenhagen non poteva non privilegiare le attività marittime di ogni tipo: dai cantieri, alla pesca, dai traffici marittimi alle spedizioni... tutta l'attività principale si concentra nel porto che è certamente uno dei più attivi di tutta l'Europa settentrionale.


Un bel salto storico per quello che nacque qualche secolo fa come un semplice villaggio di pescatori al quale era stato posto un nome davvero poco fantasioso Havn, che altro non significa che porto.


I danesi anticamente avevano un'indole poco guerriera e certamente più mercantile e commerciale: ma i rapporti di questo popolo con le vicine genti nordiche erano comunque pessimi fino a quando la figlia di re Valdemaro IV, Margarete, non sposò Hakon VI re di Norvegia e Svezia e con il quasi contemporaneo trattato di Kalmar, i tre paesi non si riunificarono sotto lo stesso regno. Con l'unità non arriva comunque la pace, perché anche la Danimarca, così come Svezia e Norvegia, prende parte alle lotte religiose che caratterizzano l'avvento della riforma luterana.

Copenhagen diventa intanto capitale, anche dal punto di vista culturale e nella prima metà del XVII secolo vengono eretti molti edifici di pregio. A questo periodo, caratterizzato da una certa confusione, ne segue uno addirittura drammatico: prima la peste e poi due furiosi incendi riducono a un quarto la popolazione e radono al suolo tutto il centro della città.


La ricostruzione è lenta ma costante e rispettosa della tradizione che voleva Copenhagen luminosa e bellissima, "scintillante sul mare" così come la descriveva un poeta danese. Le due guerre mondiali la vedono indipendente e neutrale da ogni conflitto: una strategia che consente alla Danimarca di presentarsi economicamente solida e civilmente preparata alle sfide del dopoguerra e dell'Unione Europea.


La Danimarca è in definitiva il regno più antico del mondo: la sua famiglia reale, amatissima dai sudditi, ha una storia paragonabile forse soltanto a quella della corona inglese e vive nel castello di Amalienborg composto da quattro enormi palazzi che si affacciano su un selciato ottagonale. La Regina vive nel Palazzo di Cristiano IX teatro, a mezzogiorno, del pittoresco cambio della guardia.


Più anticamente la famiglia reale viveva invece a Christianborg, un castello certamente più austero ma non meno affascinante e ricco di storia e di oggetti d'arte notevoli. Il castello è sull'isola di Slotsholm e ospita il Folketing, parlamento danese.

Copenhagen vive nel mito della Sirenetta, il più celebre personaggio nato dalla fantasia favolistica di Hans Christian Andersen: la statua che raffigura la bella sirena, simbolo della città, è sempre uno dei momenti più emozionanti di ogni visita.

Il piatto più tipico di Copenhagen è lo smorrebrod, una sorta di panino di segale coperto di aringa, carne affumicata, salmone, accompagnato da uova sode, barbabietole sotto aceto, insalata e cipolle. L'alternativa è il platte, un piatto freddo composto di aringhe, filetti di pesce, paté e polpette di carne e formaggio.

*******************************

Fra tutte le escursioni proposte noi abbiamo scelto : ROYAL COPENHAGEN  con la visita della città durata circa quattro ore e mezzo.


* Con questa escursione, sotto la pioggia e un cielo grigio, abbiamo visitato la famosa statua della Sirenetta, il famoso personaggio nato come favola dalla fantasia di Hans Christian Andersen che dal 23 agosto 1913 dà il benvenuto ai viaggiatori che giungono al porto. Ad agosto 2013 compirà cento anni. La statua della Sirenetta è una scultura bronzea alta 1,25 m e dal peso di 175 kg, situata all'ingresso del porto di Copenaghen, di cui è uno dei simboli. Raffigura la protagonista di una delle più celebri fiabe di Hans Christian Andersen, La Sirenetta(cliccare) ("Den lille Havfrue" in danese).

Abbiamo visto il magnifico Municipio, la vecchia Borsa, il Palazzo Amalienborg e la residenza della regina, di fronte alla quale stazionano le guardie reali con i loro colbacchi in pelo di orso.

La Fontana di Gefion si trova a Copenaghen nelle vicinanze della celebre statua della Sirenetta, e raffigura la leggenda della nascita della Zelanda (ovvero l'isola su cui si trova Copenaghen). La leggenda narra che Gefjun avesse chiesto al re di Svezia della terra e che questi le avesse promesso un regno grande quanto quello che sarebbe riuscita ad arare, allora la donna non esitò a trasformare i suoi figli in buoi e ciò che ottenne alla fine fu appunto la Zelanda. La statua della fontana rappresenta appunto Gefjun che sprona i figli trasformati in buoi a lavorare.(Fonte Wikipedia)

*******************************

Lasciato il porto di Copenhagen abbiamo navigato per tutta la notte nel Mar di Rattegat ripercorrendo al contrario lo stesso percorso.

 

Sabato 23 luglio 2011- arrivo alle ore 9,00 e sosta ad Oslo- Norvegia-


In realtà tale scalo non è avvenuto. Di tutte le escursioni programmate non è stata effettuata la sosta a Oslo poiché tale visita era prevista per  il giorno dopo che ci fu l’attentato a Oslo, per cui la compagnia Costa Crociere decise di non effettuare tale scalo. Rimanemmo a bordo un intero giorno in un piccolo porto a sud della Norvegia.


Avevamo scelto l’escursione Super Oslo e Ice Bar.

-Gli attentati del 2011 in Norvegia furono due attacchi terroristici coordinati  attuati contro il governo, contro un campo politico estivo e contro la popolazione civile della Norvegia il 22 luglio 2011. Il primo attacco fu realizzato con l'esplosione di una bomba al Regjeringskvartalet, il quartier generale del governo a Oslo, alle 15:26 al di fuori dell'ufficio del Primo Ministro Jens Stoltenberg e altri edifici governativi. L'esplosione uccise otto persone e ne ferì molte altre.                                   
Il secondo attentato, il più grave, si svolse circa due ore più tardi a un campo di giovani organizzato dalla Lega dei Giovani Lavoratori (Arbeidernes Ungdomsfylking, AUF), organizzazione giovanile del Partito Laburista Norvegese, sull'isola di Utøya a Tyrifjorden, Buskerud.                                           
Un uomo armato e vestito da poliziotto apri il fuoco sui giovani, uccidendone 69. Lo stesso uomo vestito da poliziotto era stato precedentemente filmato dalle telecamere nella zona dove era esplosa l'autobomba.  La polizia arrestò il norvegese Anders Breivik, responsabile di entrambi gli attentati.  

          Si trattò del più grave evento terroristico mai avvenuto in Norvegia.-(Fonte Wikipedia).

Notizie di OSLO: "Qui si sta decisamente larghi...": è un modo di dire non tanto norvegese quanto tipico di Oslo.

E non si potrebbe dire altrimenti di una città che conta meno di mezzo milione di abitanti (è la capitale meno abitata tra quelle dei paesi europei più rilevanti per superficie), su ben 453 chilometri quadrati di estensione d'area. Una città relativamente poco abitata su un'area tra le più vaste del mondo: dunque una densità tale che consente a ogni abitante una certa "comodità"... Di qui il detto.

Non significa però che gli abitanti di Oslo siano scarsamente comunicativi.... anzi: si tratta di persone ospitali e la cui compagnia è piacevolissima.
Stando alla tradizione la città fu fondata nei primi del millennio dall'ultimo re dei vichinghi Harald Hardråde (il Duro): fu lui stesso a battezzare la città con il nome di Oslo, nome che sopravvisse fino al 1624 quando il re Christian IV, che influì notevolmente sulla struttura architettonica e urbanistica della città, decise di cambiarle nome e di chiamarla Christiania. Oslo tornerà tale solo nel 1925.

Contrariamente a quanto si pensa i vichinghi non abitarono la Norvegia dagli albori della storia. Queste terre, che nell'era primitiva erano quasi interamente coperte da una spessa coltre di ghiaccio, restarono a lungo disabitate. Le prime tracce vichinghe si registrano nell'800 a. C. quando Viken, il fiordo di Osto, venne esplorato da questi pirati dall'istinto di navigatori e predatori. La storia presenta i primi vichinghi come uomini spietati e violenti: molti inglesi, scozzesi e irlandesi furono fatti prigionieri e utilizzati come schiavi per lavorare la terra.

Con il passare dei secoli i vichinghi calmarono i propri atteggiamenti più barbari per arricchirsi con il commercio, fino ad Harald il Biondo, che riunificherà il regno, poi riformato da Magnus VI.

La pace per la Norvegia e per Oslo sarà bruscamente interrotta da una pestilenza che decimerà la popolazione rendendo il paese una pedina di poco conto nelle mani dei suoi più potenti vicini: prima i danesi e poi la Svezia disporranno a proprio piacimento del paese, fino a quando, nel 1905, i conflitti tra Norvegia e Svezia, durati per anni, non giungeranno alla loro conclusione rendendo il Paese indipendente.


La Norvegia ha un vero e proprio culto per la neutralità: il paese non prese mai parte ad alcun conflitto recente e, anzi, fu costretta a subire l'invasione della Germania durante la seconda Guerra Mondiale. Una neutralità persino economica: la Norvegia è uno dei pochi paesi europei che non ha mai voluto far parte della Unione europea, decisione recentemente ribadita in seguito a un altro referendum.

Il punto di riferimento culturale della città è il castello di Akershus, oggi sede di cerimonie ufficiali, ma è, senza dubbio, il museo delle navi vichinghe una delle attrattive più interessanti della città. Il museo ha recuperato e reso visitabili alcune di queste splendide imbarcazioni che consentirono al popolo dei navigatori di raggiungere l'estremo est e, forse, addirittura l'America molto prima di Cristoforo Colombo.

Il palazzo che ospita la famiglia reale norvegese, tuttora molto amata dal suo popolo, è Slottet, il palazzo reale: è qui che vive re Harald con la sua famiglia le cui foto campeggiano in quasi tutta la città. Se la famiglia reale è presente, sul pennone del palazzo sventola il vessillo rosso e oro.

Belli anche Stortinget, sede del Parlamento norvegese, Rådhuset, il Municipio della città capitale, e il parco Vigelandsparken, splendido museo all'aperto nel quale sono raccolte più di 200 opere di Gustav Vigeland, uno degli artisti norvegesi più innovativi e interessanti.
La vista dall'alto del fiordo di Oslo da Holmenkolten, sede dei campionati olimpici e trampolino di salto con sci, un'autentica specialità sportiva nazionale, è una delle sensazioni più emozionanti della visita a questa città.

Nota dominante della cucina norvegese è il pesce, soprattutto l'aragosta e il salmone marinato. Piatti tipici sono la pernice delle nevi in salsa alla panna, l'arrosto di renna o di alce, il gjatost, una sorta di formaggio stracotto, le multers, deliziose fragole dell'Artico. Da assaggiare per dolce, magari a merenda, i vienerbrod, pasticcini della tradizione reale norvegese molto apprezzati e conosciuti.

*******************************
Alle ore 18,00 la nave ha lasciato il porto per percorrere l’Oslo fiorden, e prendere poi la navigazione verso il Mare del nord con direzione Invergordon.

 

Domenica 24  luglio 2011- secondo giorno di intera navigazione.

*******************************
Lunedì 25 luglio 2011- Scozia- Capitale della Scozia: Edimburgo

Sulla costa orientale della Scozia, a poca distanza da Edimburgo, e cioè da quella che viene ritenuta oltre che la capitale scozzese anche la città certamente più rappresentativa sotto l'aspetto storico, commerciale e amministrativo di tutto il paese, si trova il borgo di Rosyth che ovviamente ha vissuto di luce riflessa dalla più ricca, popolosa e potente capitale. E in effetti qualsiasi sosta nel porto di Rosyth è più che altro una ottima opportunità per visitare Edimburgo, la città nata dalla roccia, cosi come dalla roccia sembra sia stato generato il suo imponente Castello che da secoli, con la sua caratteristica mole, domina tutta la città.

Edimburgo è interessante sotto molteplici aspetti, e non certo per essere stata la storica capitale scozzese, anche se questo stato nobiliare l'ha resa ricchissima di edifici, chiostri, chiese e ponti. Sotto l'aspetto architettonico la città annovera elementi di epoca medioevale, feudale, georgiana e vittoriana che si sovrappongono l'uno all'altro, facendo di Edimburgo e dei suoi edifici uno dei più importanti siti storici della Gran Bretagna pari, se non addirittura superiore, a Londra.

Gli abitanti di Edimburgo a riguardo non hanno dubbio: un po' per la straordinaria dualità che separa scozzesi e inglesi e un po' perche in effetti la capitale scozzese costituisce per i suoi abitanti una sorta di mito da rappresentare quotidianamente più che una città nella quale vivere.

Una dimostrazione di questo e senza dubbio rappresentata dal Castello di Edimburgo che è un vero e proprio simbolo della città, una testimonianza orgogliosa del patriottismo scozzese che vede in questo monumento di roccia e di pietra l'essenza stessa del nazionalismo e del proprio appartenere profondamente a un paese. Secondo le ricerche storiche l'area del Castello, circondata da molte grotte, alcune delle quali esplorate solo parzialmente, sarebbe stata abitata fin dal 1000 a.C. come testimoniano molti reperti che si riferiscono all'età del bronzo. Qui la città si è rifugiata nei momenti di crisi, qui ha guardato con fiducia sotto gli attacchi nemici e qui aspetta di vedere issata la bandiera cittadina in ogni giornata di festa o in ogni ricorrenza storica, cui gli abitanti sono legatissimi.

Basta una rapida occhiata al Castello per capire tutta la sua importanza militare e strategica, punto nevralgico dei combattimenti e della resistenza durante le guerre per l'indipendenza scozzese: in pratica, anche in considerazione delle testimonianze storiche, Edimburgo si dimostra una delle città europee di più antica costituzione.

Il nome della città deriverebbe da Edwin's Burgh e commemorerebbe un re nel nono secolo, il sovrano della Northumbria, il cui regno si estendeva fino al Firth of Forth. Altri invece ritengono che il nome della città originariamente fosse "Din Eidyn", una definizione quasi intraducibile in Brythonic, una lingua antichissima parlata in questa zona della Scozia sei-sette secoli prima di Cristo.

La fondazione di Edimburgo è certamente nata con il suo Castello: dapprima come un primo villaggio fortificato all'interno delle mura, e poi via via come una città sempre più estesa dove una casa forniva la protezione e l'appoggio alla casa a fianco. Nonostante siano passati secoli, guerre e devastazioni, il Castello continua a dominare la baia e in questo senso gli scozzesi sostengono che finche resisterà questo, resisterà la loro patria.

Oggi il Castello non è solo un monumento storico e nazionale ma anche la base della Scottish Division: ed e per questo che da sempre, all'ingresso della porta principale, si perpetua la tradizione del cambio della guardia. Il Castello, punto di partenza ideale per la visita della città, contiene tutte le maggiori attrazioni turistiche come il Palazzo di Holyroodhouse, la Holyrood Abbey e il Royal Museum of Scotland.

Merita una visita la minuscola e antichissima Saint Margaret's Chapel, costruita in stile normanno almeno mille anni fa in onore della moglie di Re Malcolm III, un tempio dedicato alla santità della donna ma anche al cattolicesimo che, proprio grazie al suo significato religioso, è sempre resistito a ogni campagna militare.

Edimburgo, intorno al suo Castello, ha costruito una straordinaria serie di eventi di cultura e di spettacolo: famoso il Festival del Teatro, ma frequentatissimi sono anche gli eventi che riguardano la commedia, i film, il jazz.

Per organizzare ogni evento Edimburgo si è anche organizzata con una vera e propria società, la Edinburgh International Festival Society il cui cartellone di eventi è uno dei più ricchi del mondo. In contrasto con la Old Town, la New Town e ha "solo" duecento anni circa.

L'architettura Neoclassica e le ampie strade ospitano principalmente negozi ed uffici. Le sue tre strade principali, Princes Street, George Street e Queen Street, rappresentano il centro commerciale della capitale scozzese.


Dalle prime luci dell’alba è stato possibile vedere già la costa scozzese, fino ad avvicinarci all’ingresso del Cromarty Firth cioè la bay di Cromarty e fino a raggiungere il porto di Invergordon.

L'affascinante città di Invergordon è un porto di scalo fondamentale per le crociere in Nord Europa e la porta di accesso alle Highlands scozzesi. Invergordon è molto legata alle proprie tradizioni e ai monumenti: tra questi certamente Balnagown Castle, costruito nel XV secolo, ingrandito nei secoli successivi e caduto in disgrazia dopo essere stato base del famoso clan dei Ross.

*******************************

Fra tutte le escursioni proposte noi abbiamo scelto quella al Maestoso Castello di Dunrobin della durata di circa quattro ore.

Un percorso panoramico a nord di Invergordon ci ha permesso di ammirare la bellissima campagna di questa regione della Scozia passando attraverso graziose cittadine come Tain prima di raggiungere il castello di Dunrobin.

* La vista del castello di Dunrobin appare, improvvisa e travolgente, al termine di un lungo viale alberato. L’imponente, austera residenza conta 189 stanze adorne di mobili, quadri, arazzi e opere d’arte notevoli ed è magnificamente circondata da un bellissimo parco e giardini affacciati sul mare.

Le collezioni del Castello sono il pretesto per un’interessante visita: abbiamo potuto vagare nelle camere da letto, nelle nursery, negli studi e nelle stanze di ricevimento. Tra gli oggetti in esposizione abbiamo visto anche antichi suppellettili, abiti cerimoniali, uniformi, armi e un mezzo antincendio del XIX secolo completo e funzionante: la visita nel suo insieme ci ha fornito una panoramica dettagliata della vita dei primi Conti e Duchi di Sutherland.

Abbiamo potuto passeggiare liberamente nei bellissimi giardini di questo meraviglioso castello anche per la bella giornata calda e piena di sole.Prima di ripartire non è mancata una foto con una persona che indossava il costume tipico scozzese :il KILT(cliccare)

 

Martedì  26  luglio 2011- Terzo giorno di intera navigazione.

*******************************

Per tutta la giornata abbiamo navigato in mare aperto senza la possibilità di avvistare nessuna costa.
Lasciato il porto di Invergordon abbiamo costeggiato la costa della Scozia fino a cambiare rotta per dirigerci verso la Francia al porto di Le Havre.

*******************************
Mercoledì 27 luglio 2011-Previsto l’arrivo a Le Havre intorno alle ore otto .

*******************************


Le Havre: Città della Francia nord-occidentale, capoluogo del dipartimento della Seine-Maritime, sul canale della Manica, sorge sull'estuario della Senna, in piena Normandia, è uno dei principali porti marittimi del paese: la sua attività, bruscamente interrotta dalla seconda guerra mondiale, al termine della quale il suo porto è stato praticamente raso al suolo, è cresciuto in misura esponenziale e nel corso degli ultimi anni si è ulteriormente sviluppato seguendo per volume di traffico soltanto lo scalo di Marsiglia.

Oggi è perfettamente attrezzato sia per i transatlantici che per i traghetti veloci che collegano Francia e Gran Bretagna, è inoltre un grande centro commerciale con industrie cantieristiche navali, meccaniche, tessili e alimentari: una città dai ritmi moderni che offre un'occupazione praticamente totale e che vive non solo intorno al suo porto ma anche della notevolissima vita culturale che è ospitata dalle sue istituzioni.

Infatti, nonostante le devastanti incursioni che l'hanno fortemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, Le Havre conserva numerosi edifici antichi.

Le sue origini sono tuttavia piuttosto recenti: fondata nel 1517 da Francesco I che voleva un baluardo militare pronto a reagire a un eventuale attacco inglese, Le Havre nasce come un porto militare che ospita anche piccole attività di scambio commerciale e di pesca.

La vocazione militare di Le Havre viene confermata anche nei due secoli successivi soprattutto con Richelieu e Vauban che rendono Le Havre ulteriormente fortificata a protezione di un porto sempre più difeso ma anche sempre più pronto ad ospitare unità militari navali offensive.

Lo sviluppo di Le Havre è immediato e dirompente: il porto alle foci della Senna diventa la porta della grandeur francese sull'Oceano, contendendo a La Rochelle il ruolo dominante di baluardo marittimo francese. Le Havre come detto pagherà duramente durante la seconda guerra mondiale la sua vocazione militare: invasa dai tedeschi, che ne volevano fare una base strategica per i propri sommergibili stravolgendo così la sua réte di infrastrutture, la città e il porto verranno incessantemente bombardate dalle unità navali e aeree alleate fino alla caduta del presidio nazista e al ritiro delle truppe tedesche che lasceranno la città in una situazione a dir poco disperata.

La ricostruzione inizierà immediatamente ma sarà solo dopo gli anni '60 che Le Havre riuscirà a ritagliarsi uno spazio nuovamente sensibile nell'economia marittima e portuale francese riconquistando le linee delle grandi navi da crociera e dei transatlantici e riaffermando la sua leadership in campo cantieristico.

La rivoluzione dei container che Le Havre intuisce in tempo dotandosi di adatte infrastrutture per la ricettività di navi porta-contenitori fa il resto.

Oggi Le Havre è un porto di straordinaria ricettività che si apre al mondo, accogliendo però anche migliaia di turisti che attraverso il suo scalo desiderano visitare una regione affascinante come la Normandia.

Non solo: l'estuario della Senna è oggi un meraviglioso paradiso naturale che ospita migliaia di specie animali e vegetali che qui hanno trovato il loro ambiente ideale. Protetto dal governo come parco, tutelato dagli abitanti che ne sorvegliano la crescita e ne difendono ogni angolo con una grande sensibilità ambientale, la regione costiera di Le Havre rappresenta una straordinaria balconata naturale sul mare.

Le Havre, che ospita circa 200mila abitanti, si conferma invece una città in perenne movimento e di grandi spazi aperti con numerosi monumenti e mille attività culturali, mostre e vernissage di grande prestigio che vengono organizzati costantemente e che rendono la città, insieme a Besancon, Angers, Nantes e Caen uno dei centri culturalmente più ricchi e fiorenti di tutta la Francia.

I luoghi di maggiore interesse sono la chiesa di Notre-Dame (XVI-XVII secolo), la chiesa moderna Saint-Doseph e il Museo delle Belle Arti André Malraux.

*******************************

Fra tutte le escursioni proposte noi abbiamo scelto : SCOPRENDO PARIGI- LA VILLA LUMERIE della durata di circa dieci ore e trenta.

Abbiamo avuto quasi l’intera giornata a nostra disposizione per scoprire la città che da sempre è immersa in un’atmosfera romantica e ricca di cultura.

* Percorrendo i famosi Champs-Elysès, divisi tra la modernità della Torre Eiffel e l’esempio gotico per antonomasia della cattedrale di Notre Dame, abbiamo potuto renderci conto perché da secoli Parigi è ricordata nel mondo intero per la sua grandezza.
Per la nostra escursione era previsto un tour panoramico della città (in pullman e con la guida) con  una sosta nella famosa Place de la Concorde disegnata dall’architetto Ange-Jacques Gabriel dove furono ghigliottinate più di mille persone tra cui Robespierre e Maria Antonietta.

Una sosta l’abbiamo fatta alla cattedrale di Notre Dame, con la visita dell’interno e della piazza. Fra le altre cose abbiamo visto la Colonna di AUSTERLITZ (cliccare) e la Colonna VENDOME (cliccare).

( Davanti all' ingresso della cattedrale di Notre Dame, si trova il Punto Zero (cliccare), ovvero la stella di bronzo dalla quale vengono calcolate tutte le distanze stradali della Francia. Infatti la Cattedrale viene definita il centro della Francia.

I particolari del giro panoramico sono visibili dalle foto e dalle didascalie.


 *******************************

Lasciato il porto di Le Havre verso le ore 20,00 abbiamo attraversato nuovamente il canale che ci ha portato nella baia della Senna.

Intorno alla mezzanotte ci siamo diretti verso il Canale della Manica insieme a tutte le navi in entrata nel mar del nord. Durante il transito abbiamo passato il Meridiano di Greenwich.

Nel corso della notte in lontananza si sono viste le luci della città di Calais, più lontana Dover e le bianche scogliere per avvicinarci sempre più verso il porto di Dover.

 

Lasciato il porto di Le Havre verso le ore 20,00 abbiamo attraversato nuovamente il canale che ci ha portato nella baia della Senna.


Giovedì 28 luglio 2011-Previsto l’arrivo a Dover intorno alle ore 8,00.

*******************************
Fra le due escursioni previste noi abbiamo scelto Londra con una durata di circa nove ore.


Notizie sulla città di Dover : basta guardare lo sperone di roccia che la domina e si capisce per quale motivo questa città, da sempre rappresenti, nell'immaginario degli inglesi, una sorta di "confine" da preservare dagli assalti stranieri.

Dover si tuffa nel canale della Manica ed è da sempre il punto d'unione con Calais, porto francese di destinazione o di partenza per chi collega Francia e Gran Bretagna.

Dover, forse uno dei porti europei di importanza strategica maggiore in assoluto, tradisce con le sue pagine di storia il suo straordinario rilievo: il primo a invaderne le cose fu nel 500 a.C. Giulio Cesare che aprì quattrocento anni di dominazione romana le cui testimonianze, artistiche e architettoniche sono moltissime e molto ben conservate.
Nasce fondamentalmente con i romani il suo mito: furono, infatti, loro a costruire Richborough, la prima fortezza che dominava la costa e il suo accesso. Ai romani seguirono i normanni e poi, nonostante qualche invasione e sporadiche razzie, furono comunque gli inglesi a dominarne l'arsenale e i traffici.

Una quiete reale Dover non l'ha mai vissuta, neppure in epoche più recenti. Basti pensare che, dopo i drammi della seconda guerra mondiale, il governo regionale una ventina di anni fa ha deciso di installare proprio nel Castello di Dover, bastione danneggiato, distrutto e ricostruito ancora più possente di prima ogni volta, un bunker da destinare a una possibile guerra nucleare.

Come tutti i centri di grande importanza strategica Dover è stata guarnigione, arsenale, prigione, scuola militare. Questa cittadina, peraltro splendida e molto suggestiva, rappresenta, nell'immaginario inglese, "the borderline", ovvero la linea di confine.

La costa intorno a Dover è paradossalmente molto più quieta: ma anche la cittadina di Deal, votata da secoli essenzialmente alla pesca, ospita un castello nelle cui stanze segrete pare che il decisionista Enrico VIII, facesse "scomparire" parecchi dei nemici della sua monarchia.

Splendido anche il castello di Walmer è stato trasformato nei secoli da fortezza in splendida residenza ufficiale di Lord Warden, custode dei 5 porti che costituivano la fortezza armata di sua maestà britannica sulla costa sud dell'isola.

Ora il contesto è decisamente cambiato: più che il fascino militare di Dover ad attirare il turismo britannico e internazionale in questa regione sono i campi da golf, le splendide campagne, i monumenti antichissimi, i segni di vita di rinomanza internazionale e le vestigia di almeno duemila anni di storia sofferta ma culturalmente intensissima.

Dalle lotte per l'anglicanesimo alle sfide per la supremazia in seno alla monarchia, tutta la regione è uno scrigno continuo di testimonianze di valore ineguagliabile, quali Canterbury con la sua cattedrale, l’Heritage Museum e l’Abbazia di Sant’Agostino.

*******************************


* L’escursione a Londra ci ha offerto una panoramica di tutti i punti di maggiore interesse. Partiti dal porto di Dover con la guida ci siamo diretti verso Londra e dopo circa due ore di viaggio in pullman ci siamo fermati davanti a Buckingham Palace e alla Piazza del Parlamento,Royal Exchange, (cliccare). Il giro panoramico ci ha portato poi alla torre e al ponte di Londra.

*******************************
Al termine siamo rientrati al porto di Dover con il pullman, senza la guida, che ci ha salutato e lasciato a Londra.

 

Venerdì  29 luglio 2011-Previsto l’arrivo ad Amsterdam intorno alle ore 9,00.


Lasciato il porto abbiamo ripreso la rotta verso Amsterdam dove siamo arrivati alle 9,00 circa.     

Qui siamo scesi dalle nave e siamo stati accompagnati all’aeroporto dove  abbiamo preso l’aereo che ci ha riportato in Italia a Roma. Nel pomeriggio abbiamo preso il pullman che ci ha riportato nella nostra sede di partenza.

 

costa-magica 2

 

costa magica nave

nave e mare in movimentonave e mare in movimentonave e mare in movimentonave e mare in movimentonave e mare in movimento

 

LA MUSICA E' "BOLERO" DI MAURICE RAVEL(compositore)

Orchestra Filarmonica Ceca- Direttore Serge Baudo

INDIETRO